SCHEDE TECNICHE

CIS ETR 470

CIS ETR 610

FFS Am 4/6

BLS Ae 4/4

FFS Ae 4/6

FFS Ae 6/6

FFS Bm 4/4 II

FFS Eem 923

FFS RABDe 500 (ICN)

FFS RABDe 502

FFS RABe 501 (Giruno)

FFS RABe 502

FFS RABe 503

FFS RABe 511

BLS RABe 515

TILO RABe 524

FFS RBDe 560

FFS Re 4/4 II

FFS Re 4/4 III

FFS Re 460

BLS Re 475

FFS Re 6/6

-------------------------

Sistemi di sicurezza

Misura corrente di trazione

16 2/3 Hz o 16.7 Hz?

Vocabolario tecnico

Incidenti ferroviari

Diversi

space

 

Locomotive dimenticate

A e    4 / 6

Ae 4/6

Dati tecnici

Società

SBB CFF FFS

Nome

Ae 4/6

Anno di costruzione

1941 - 1944

Produttori

SLM/BBC/MFO/SAAS

Esemplari prodotti

12

Numero

10801 - 10812

Lunghezza ai respingenti

17.26 m

Massa

105 t / 111 t 1

Diametro ruote

1350 mm

Potenza

4080 kW / 5540 PS

Velocità massima

125 km/h / 110 km/h 1

Rapporto di trasmissione

1:3,19

Propulsione

Elettrica

Numero di motori

8

Messa fuori servizio

1981 - 1983 2

1 10807–10812: modificate nel 1961–1966
2 10801 eliminata nel 1965 dopo un incendio a Maroggia

Breve storia

La Ae 4/6 è stata una locomotiva per treni rapidi delle FFS, costruita durante la seconda guerra mondiale. Questa macchina non fu particolarmente amata dal personale, a causa del forte rumore dei motori e dei suoi numerosi problemi tecnici. La rumorosità e la scarsa qualità dei materiali usati per la sua costruzione portarono ad un relativamente corto periodo di servizio. Esse furono utilizzate fino all’inizio degli anni ’80, principalmente sulla linea del Gottardo. Questa macchina deriva direttamente dalle potenti Ae 8/14, le quali riuscivano a sfruttare appieno tutta la loro potenza solamente con i pesanti treni merci. Le FFS ordinarono così la costruzione di locomotive con solamente metà della potenza delle Ae 8/14 ma con possibilità di comando multiplo. Tra il 1941 e il 1944 furono così costruite 12 Ae 4/6.

Ae 4/6

La Ae 4/6 è costituita essenzialmente da metà Ae 8/14 11852 “Landilok”, con l’aggiunta di una cabina all’estremità. Grazie alla riduzione del peso dei motori e dei freni elettrici, è stato possibile eliminare l’asse supplementare tra gli assi motore. Si ottenne così una locomotiva con una configurazione di assi 1D1. Il comando multiplo fu integrato già dal principio, così da poter trainare i pesanti merci in doppia trazione. In pratica esso fu raramente utilizzato, a causa della sua inaffidabilità.

Ae 4/6

Alcuni dettagli riguardo la costruzione meccanica: le Ae 4/6 furono le prime locomotive ad avere il banco di comando sulla sinistra, cosa divenuta in seguito la regola per ogni macchina FFS. Un’altra caratteristica piuttosto insolita è che ogni asse motore aveva 2 motori, per un totale di 8 motori. Per quanto riguarda la costruzione elettrica, gli avvolgimenti dei trasformatori e dei motori furono realizzati in alluminio invece che in rame a causa della penuria di materie prime causata dalla guerra. La locomotiva era equipaggiata con un freno elettrico a recupero. In caso di frenatura un motore dell’asse 1 agiva da macchina eccitatrice e permetteva agli altri motori di reimmettere nella rete l’energia sviluppata dalla frenatura.

Ae 4/6

Fino agli anni ’60, le Ae 4/6 prestarono servizio sulle rampe del Gottardo alla testa dei treni diretti. In seguito esse furono sostituite dalle nuove Ae 6/6, loro dirette discendenti. Rimasero comunque in servizio fino agli inizi degli anni ’80, ma solamente con compiti secondari. Nel 1980 furono fatti alcuni test per un’eventuale vendita delle Ae 4/6 alle SOB, ma a causa di un troppo basso coefficiente di adesione non se ne fece nulla.

Ae 4/6 Ae 4/6
© Foto: Theo Stolz, http://www.le-rail.ch/

La prima locomotiva, la 10801, fu radiata nel 1965 a causa di un incendio avvenuto il 9 luglio dello stesso anno alla stazione di Maroggia. Tutte le altre furono smantellate a Biasca all’inizio degli anni ’80, l’ultima nel 1983. Purtroppo non ne fu conservato nemmeno un esemplare a causa dei numerosi difetti che questa macchina aveva e dei rischi di incidente troppo elevati. L’ultimo ricordo di questa locomotiva è costituito da una parte della cabina di guida esposta al museo dei trasporti di Lucerna.

Ae 4/6 Verkehrshaus
Museo dei trasporti

Locomotiva

Consegna

Radiazione

Ae 4/6 10801

26.04.1941

15.07.1965

Ae 4/6 10802

14.06.1941

28.02.1977

Ae 4/6 10803

26.05.1941

31.10.1981

Ae 4/6 10804

25.07.1941

31.10.1981

Ae 4/6 10805

09.12.1942

31.05.1983

Ae 4/6 10806

31.12.1942

31.10.1982

Ae 4/6 10807

31.08.1944

28.02.1977

Ae 4/6 10808

01.11.1944

31.03.1981

Ae 4/6 10809

05.04.1945

31.03.1981

Ae 4/6 10810

31.05.1945

30.04.1982

Ae 4/6 10811

27.03.1945

31.05.1983

Ae 4/6 10812

02.05.1945

31.12.1982

Incidenti

Le Ae 4/6 hanno avuto un numero relativamente alto di incidenti se messo in relazione con il numero di esemplari costruiti e gli anni di servizio. Ecco quindi un breve elenco degli incidenti più significativi (senza garanzia di completezza). Per alcuni incidenti sono disponibili dei pdf di articoli di giornali ticinesi dell'epoca che riportarono i fatti.

Data

Luogo

Locomotive coinvolte

Vittime

Articolo

24 dicembre 1947

Oerlikon

Ae 4/6 10802

Nessuna indicazione

-

27 maggio 1950

Maroggia

Ae 4/6 10807
Ce 6/8 III

1 morto

[pdf, 748 kB]

30 maggio 1954

Castione

Ae 4/6 10802
Be 4/6 12339

1 morto

[pdf, 0.99 MB]

8 agosto 1958

Muri AG

Ae 4/6 10808

Nessuna indicazione

-

9 luglio 1965

Maroggia

Ae 4/6 10801

Nessuna

-

 

torna su